disturbi del comportamento alimentare
DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)- ANORESSI E BULIMIA

Oggi i DCA costituiscono una vera e propria epidemia sociale in continua crescita , che non sembra ancora aver raggiunto il picco. In Italia 2 milioni di ragazzi soffrono di questo disturbo. L’origine e il decorso dei DCA sono determinati da una pluralità di fattori che comprendono aspetti psicologici, evolutivi e biologici. Senza dubbio i DCA rappresentano in modo impressionante la nostra epoca , connessi come sono all’immagine corporea, al significato del cibo e all’ossessione  per l’apparire. Parliamo di Anoressia Nervosa quando c’è il rifiuto a mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per l’età e la statura, associato ad una alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso e la forma del corpo, con influenza di questo sui livelli di autostima. Parliamo di Bulimia Nervosa quando si verificato abbuffate ricorrenti con successive condotte compensatorie per prevenire l’aumento di peso, come vomito autoindotti, abuso di lassativi

La Storia

cura bulimia e anoressia

Negli anni cinquanta si iniziò a parlare di Binge Eating Disorder (BED) che indicava la perdita di controllo nel mangiare e talvolta un vero e proprio stato di trance caratteristici delle crisi da abbuffata compulsiva.
Il BED è stato distinto dalla bulimia e vi si fanno rientrate tutti quei casi in cui i soggetti mettono in atto i tipici comportamenti da abbuffata , ma senza pratiche compensatorie quali vomito, uso di lassativi o diuretici, ecc.
L’ossessione per il cibo può manifestarsi anche in forme nuove e ancora poco conosciute.
L’attenzione al “mangiar sano” può trasformarsi in una patologia nervosa detta Ortoressia nervosa  , cioè “ossessione per i cibi sani”.
Anoressici e bulimici sono ossessionati dalla quantità del cibo che consumano, gli ortoressici dalla qualità.

Per Saperne di Più


Per maggiori informazioni o chiarimenti contattate la Dott.ssa Pappalardo Tiziana, di Monza al numero . 039 6777023, 338 4725591

Share by: